STORIA > Milano 1906: la prima Esposizione Internazionale italiana, 2002

 

Oltre duecento padiglioni con quaranta nazioni e trentacinquemila espositori, quasi sei milioni di visitatori, un centinaio i congressi nazionali e internazionali, decine di concorsi a tema industriale, sociale, sanitario e artistico... Come si arrivò all’esposizione, chi furono i progettisti e com’erano i padiglioni? Cosa si stava facendo a Milano in quel periodo?
Nel rispondere a tali domande, la ricerca storica allegata si propone di fornire uno strumento diverso da quelli finora conosciuti. Infatti, non si limita a mettere in fila un gran numero di fotografie – perché da sole dicono poco – ma a inserirle nel contesto della città di quel periodo, oltre a dare un nome ai tanti progettisti che vi operarono e che, al di là di quest'occasione effimera, parteciparono attivamente alla costruzione della Milano moderna.
Il saggio qui allegato è composto da tre capitoli:
In
Antefatti e progetto generale un breve excursus delle esposizioni precedenti illustra le motivazioni per quella del 1906 e la soluzione progettuale adottata.
In
Progettisti e padiglioni sono elencati gli architetti, ingegneri ed artisti che realizzarono i padiglioni, dei quali si dà almeno una immagine d'epoca.
In
Cenni storici su Milano si ripercorre a grandi linee la storia della città negli anni vicini a cavaliere dell'Expo, evidenziandone le problematiche che, seppure in gran parte esterne ed estranee alla manifestazione, non possono essere ignorate studiando il periodo.

Milano Expo 1906 (32,4MB)

 

 

 

 

webmasterwww.larici.it - info@larici.it