ARTE E ARCHITETTURA > Aleksej Lidov, Ierotopia. Creazione di spazi sacri come forma di creatività e oggetto di ricerca storica, 2009

 

Aleksej Michajlovich Lidov (1959) è uno storico e teorico dell’arte, specialista in iconografia bizantina e russa, fondatore e direttore del Centro di Ricerca per la cultura cristiana orientale di Mosca dal 1991 e autore di numerosi libri e saggi di iconologia e simbolismo cristiano. Partendo dalla trattazione di Mircea Eliade sulla ierofania (da ieros, sacro, e phainein, mostrare), dal 2001 Lidov si occupa di ierotopia (da ieros, sacro, e topos, luogo, spazio), ossia dello studio della creazione degli spazi sacri e di ciò che la definisce. La ricerca è quindi multidisciplinare poiché interessa la storia dell’arte, l’archeologia, l’antropologia, la religione. Se l’architettura rappresenta l’involucro esterno, la pittura, la musica, l’illuminazione, le liturgie ecc. la completano e, soprattutto variano la percezione sia dello spazio che di un oggetto, in quanto qualunque cosa posta in un punto o in un altro determina un cambiamento visivo e di significato che si ripercuote, a domino, sul resto degli elementi. Fino al punto che, consci di queste modificazioni, i bizantini arrivavano a progettare manufatti ad hoc, come paramenti cangianti o altri oggetti che Lidov spiega nel suo libro. Secondo questa concezione, le icone sono una componente essenziale e insostituibile dello spazio sacro, rappresentando non un’immagine bidimensionale, ma una vera e propria visione spaziale che esce dalla tavola per irradiarsi nell’ambiente circostante, al punto che le icone (come le reliquie) diventano soggetti dello spazio sacro, non oggetti nello spazio sacro. Lidov ha individuato e “sistematizzato” questa teoria, approfondendo due nuovi concetti: l’icona spaziale e l’immagine-paradigma.
Lo scritto riportato costituisce la traduzione originale del primo capitolo di un’ampia trattazione sul tema e, proprio per la sua novità, è stato largamente diffusa ma soltanto in lingua russa, di cui si allega copia per consultare le numerose note bibliografiche che nella traduzione si sono omesse.

Lidov (russo) (346kB)

 

 

 

 

webmasterwww.larici.it - info@larici.it