ARTE E ARCHITETTURA > Carlo Severati e Vladimir S. Tikhonov, Origini dell’architettura moderna nella Russia sovietica, 1978

 

Alla fine degli anni Settanta del XX secolo, lo storico dell’architettura moderna e contemporanea Carlo Severati (1940, nella foto), professore ordinario a Roma fino al 2004, ha analizzato “la modernità architettonica nei suoi primi anni” in vari Paesi: ex Urss, Argentina, Canada, Giappone e Brasile.
Il lungo saggio sulla formazione dell’architettura «rivoluzionaria» nell’allora Unione Sovietica, scritto con il russo Vladimir S. Tichonov, è una ricerca sistematica che confronta fonti autentiche con i testi di storia e critica pubblicati in un periodo in cui l’architettura sovietica era al centro di un vivo interesse sia in Russia, dove si cercava una propria identità, sia in Occidente. Severati, al contrario di altri e avvalendosi della collaborazione di Vladimir Tikhonov, non fa un’analisi puntiforme (per edifici, piani o concorsi), ma sviscera la formazione culturale e le condizioni progettuali in cui l’architetto si trovava negli anni a cavallo della Rivoluzione d’Ottobre e le ripercussioni nel costruito.

Severati-Tikhonov (illustrazioni) (4,8MB)

 

 

 

 

webmasterwww.larici.it - info@larici.it