ICONE E RELIGIONE > Musei italiani di antiche icone

 

BARI
Museo Sala del tesoro di San Nicola, tel. 0805237247, visite da lunedì a sabato su appuntamento. Presso la Basilica di San Nicola sono conservate icone russe e greche, oreficerie, corone, oggetti d’arte sacra e reliquie della Terrasanta.
CITTÀ DI MONTE SANT’ANGELO
Museo devozionale presso il Santuario di San Michele Arcangelo sul Gargano. In quattro sale sono raccolti reperti archeologici del secolo VI-IV a.C. e molti oggetti legati al culto di San Michele; nella quarta sala è esposta una raccolta di icone della Vergine, di San Michele e dei Santi, tra cui un’antica icona di San Michele realizzata in rame dorata probabilmente risalente all’epoca longobarda (VIII-IX secolo).
FRASCINETO
Museo delle Icone e della Tradizione Bizantina, per informazioni: www.comune.frascineto.cs.it. Aperto nel 2007, il museo accoglie le icone di proprietà dell’archimandrita Paolo Lombardo, una collezione di paramenti sacri e una di medaglie celebrative di momenti civili e religiosi.
NAPOLI
Chiesa greca ortodossa dei Santissimi Pietro e Paolo, via San Tommaso d’Aquino 51, tel. 0815529906. Fondata tra il 1470 e il 1532 per volere del cavaliere greco Tommaso Paleologo, fuggito da Costantinopoli dopo l’invasione turca, la chiesa era originariamente dedicata ai Dodici Apostoli, ma venne intitolata ai Santi Pietro e Paolo dopo il completo rifacimento avvenuto nel 1617. Nuovamente ricostruita nel 1757, ospita cinquanta icone post-bizantine, delle quali quaranta si devono al pittore Eustachio Caruso originario di Cefalonia (1766-1791).
PECCIOLI
Museo di icone russe situato nel Palazzo Pretorio, piazza del Popolo 5, tel. 0587672877, h. 10-13/16-20 nei giorni di mercoledì, sabato, domenica e festivi. Il museo, inaugurato il 24 novembre 2000, ospita la collezione di sessanta dipinti, in gran parte dei secoli XIX e XX, raccolti dal giornalista Francesco Bigazzi, per anni corrispondente da Mosca.
REGGIO CALABRIA
Piccolo Museo San Paolo, viale Reggio Campi, Vico Sorgonà 4, tel. 096592426. Fondato da mons. Francesco Gangemi e riconosciuto dalla Regione Calabria, il museo contiene numerose opere a tema religioso di diversa natura e origine realizzate dal Quattrocento, tra cui spicca la raccolta di 170 icone russe, greche e dell’area dei Balcani.
ROSCIANO
Oasi orientale di Villa Badessa, tel 0858505731. Nella chiesa di rito greco-cattolico-bizantino, dedicata alla Dormizione della Madre di Dio, è esposta una collezione di icone russe.
TAGLIACOZZO
Museo orientale presso il Santuario di Maria SS. d’Oriente, via Oriente 148, tel. 0863610257, h. 9,30-12/15-17, domenica chiuso. Si tratta di un museo di carattere mariologico che, accanto alla documentazione della storia e delle tradizioni legate alla Vergine, espone arredi liturgici, icone bizantine e russe, reperti da scavi in Medio Oriente, ex voto abruzzesi.
VENEZIA
Museo delle Icone Bizantine e Postbizantine, Ponte dei Greci, Castello 3412, tel. 0415226581, h. 9-13/14-17, chiuso domenica e festivi. Nell’unico museo di icone bizantine in Europa sono esposte icone anteriori e posteriori alla conquista di Venezia da parte dei Turchi di Costantinopoli nel 1453, opere di famosi pittori cretesi. Oltre alle icone (molte delle quali donate dalla locale comunità ellenica) sono in esposizione codici miniati, paramenti sacri ricamati in ori e oggetti di piccolo artigianato di grande valore storico e artistico.
VENEZIA
Chiesa di San Giorgio dei Greci, adiacente al succitato museo. Le icone, l’iconostasi, mosaici e affreschi di una delle più belle chiese ortodosse (a tutt’oggi sotto il Patriarcato di Costantinopoli) risalgono all’epoca di costruzione della chiesa (XVI secolo), ma si può ammirare anche un’icona bizantina di "Cristo benedicente" degli inizi del XIV secolo.
VICENZA
Collezione permanente di icone in Palazzo Leoni Montanari, Contrà Santa Corona 25, tel. 800.578875, h. 10-18 da mercoledì a domenica. Al secondo piano del Palazzo è collocata una esposizione di circa 130 antiche icone russe. Si tratta di una accurata selezione delle quasi 500 che compongono la collezione di Banca Intesa e costituisce la più importante raccolta di icone russe presente in Occidente. Le opere ricoprono un vasto arco cronologico che va dal XIII fino al XIX secolo.

 

 

 

 

webmasterwww.larici.it - info@larici.it