ICONE E RELIGIONE > Santi Sette dormienti di Efeso, 2008 (*)

 

Storia
La storia dei Sette Dormienti – presente sia nella religione cristiana che in quella islamica – è considerata dai più una leggenda, non la descrizione di un fatto accaduto. Tuttavia, sia per l’elevato significato contenuto, sia per i numerosi manoscritti pervenutici che testimoniano un culto antico e diffuso dalla Scandinavia ai Paesi islamici, per la Chiesa il racconto «non può essere negato che su chiari elementi di prova e argomenti di completa certezza».
Sette giovani cristiani di Efeso si rifugiarono in una grotta per sfuggire alla persecuzione dell’imperatore romano Decio (III secolo), il quale, scoperto il nascondiglio, li fece murare vivi. I Sette, però, caddero in un sonno miracoloso e si svegliarono quasi due secoli dopo, quando il cristianesimo era diventato la religione dominante. Ignaro del tempo trascorso, uno di loro pagò l’acquisto di un po’ di pane con alcune monete recanti l’effigie di Decio, cosicché il miracolo fu rivelato e i Sette, compiuta la loro testimonianza sulla realtà della resurrezione dei morti, morirono.

Sette Dormienti di Efeso con Cristo Emmanuele, Russia, XIX secolo
Sette Dormienti di Efeso con Cristo Pantocratore, Russia, XIX secolo
Sette Dormienti di Efeso con Cristo Emmanuele, Russia, XIX secolo
Sette Dormienti di Efeso con Cristo Re dei re, Russia, XIX secolo

Nel tempo le varianti a questo “canovaccio” furono numerosissime, sì da renderlo profondamente differente da un luogo all’altro.
In Occidente, il racconto è stato tramandato da Gregorio, vescovo di Tours dal 573 al 594, che scrisse la Passio sanctorum septem dormientium, un adattamento in latino di un’omelia metrica di Giacomo di Sarug (Mesopotamia) che fu vescovo della Siria dal 519 al 521. La leggenda era tuttavia già nota da almeno un secolo nel Medio Oriente, come testimoniato da antichi manoscritti in greco, latino, siriaco, aramaico e copto. La prima narrazione greca è ascritta a Simeone Metafraste (X secolo) che scrisse una Vita dei Santi e collocò la festa dei Sette nel mese di luglio. In latino, un altro importante riferimento è contenuto nella Historia Langobardorum di Paolo Diacono, pseudonimo di Paolo di Varnefrido (720-799), un religioso e storico longobardo morto a Montecassino.
In seguito, molte regioni dell’impero romano furono sottomesse dagli Arabi e il racconto si diffuse tra i musulmani e fu raccolta da Maometto, probabilmente in un viaggio in Siria. Esso si trova infatti citato nel Corano, nella sura XVIII intitolata “al Kahf”, la caverna, la cui ambiguità indica chiaramente che il racconto non fu rivelato a Maometto, ma fu questi a trasmettere quanto sapeva, stabilendo «una corrispondenza tra i sette dormienti e gli intercessori degli ultimi tempi (abdàl) per la cui venuta Abramo aveva supplicato Dio a Mamre. Tale venuta precede la venuta di Gesù e il regno dei giusti (mahdi) in una vera e propria “apocalisse”».
In Russia la leggenda fu conosciuta all’inizio del XII secolo, quando l’igumeno Daniil tornò dopo aver veduto le reliquie dei Sette in Terra Santa.

Sette dormienti di Efeso, Grecia
Sette dormienti di Efeso con il Mandylion, Russia, XIX secolo

 

 

Nota:
*. Testo: © associazione culturale Larici, 2008.

 

 

 

 

webmasterwww.larici.it - info@larici.it