LETTERATURA E CRITICA > Ivan Krylov, Favole, 1809-1820 (*)

 

Lo scrittore e commediografo russo Ivan Andreevic Krylov (1768-1844) era un impiegato di San Pietroburgo che amava scrivere satire sociali su alcuni giornali, ma poi questi furono soppressi e Krylov dovette lasciare la capitale, potendovi tornare soltanto quando salì al trono lo zar Alessandro I. Riprese l’attività letteraria all’interno del movimento intellettuale che mirava a creare un letteratura nazionale russa e in cui militava, tra gli altri, Aleksandr Puskin. Nel 1805, traducendo le favole di Jean de La Fontaine, Krylov decise di scriverne di proprie, che, in parte, furono pubblicate in nove volumi tra il 1809 e il 1820 ottenendo un enorme successo. Nelle sue favole, scritte in modo vivace, incisivo e con il linguaggio del popolo, si mescolavano folclore e saggezza contadina e venivano presi di mira la presunzione e la stupidità dell’uomo. Non solo, la satira di Krylov colpiva, attraverso atteggiamenti e parole degli animali umanizzati, la politica russa dell’epoca, in particolare gli aspetti repressivi dell’autocrazia, ed è per questo che le favole più audaci furono divulgate soltanto molti anni dopo la morte dell’Autore.
L’idea di tradurre le favole di Krylov nelle lingue italiana e francese maturò nel salotto parigino dei conti Orlov, i quali provvidero a redigere la prima traduzione letterale e in prosa dal russo al francese. È su questa base che i maggiori poeti italiani dell’epoca – tra cui Vincenzo Monti e Ippolito Pindemonte, insuperati traduttori, rispettivamente, dell’
Iliade e dell’Odissea di Omero – furono chiamati a riconvertire le favole in poesia.
Ha scritto il letterato ed estensore della prefazione italiana Francesco Saverio (o Franco) Salfi: «Trenta sono gl’Italiani che hanno imitato nel loro idioma le favole del Kriloff. Tutti ignorando probabilmente la lingua russa, hanno più o meno seguito la versione che il Signor Conte Orloff avea preparata a questo fine, e che dee reputarsi perciò fedelissima. Non potendo però attingere al fonte originale i molti vezzi che nelle traduzioni letterali in gran parte svaniscono, gl’imitatori hanno dovuto di necessità eseguire quello che tanti altri aveano fatto a disegno, imitando liberamente il modello che potevano fedelmente tradurre. Le loro imitazioni sono dovute dunque riuscire per lo più liberissime, e forse alcune poco della forma originale ritengono. E se questo torna in certo modo a pregiudizio dell’autore, può riguardarsi come un vantaggio pel traduttore, il quale può spaziare più francamente sul tema indicato. Così rimanendo sempre al Kriloff il merito dell’invenzione, i suoi imitatori non hanno potuto far altro che variarne più o meno la forma».
Di conseguenza, le ragioni di rileggere oggi queste favole sono molte: l’invenzione dell’Autore, la satira che le caratterizza (di cui oggi non sempre è individuabile lo specifico soggetto punzecchiato da Krylov) e, soprattutto, le differenze tra i poeti italiani nel primo Ottocento (dei quali, ove possibile, è stato messo il nome intero nell’indice): differenze di interpretazione, costruzione e stile che ben si colgono quando due poeti interpretano la stessa favola (LXIV-LXV; LXXII-LXXIII; LXXXV-LXXXVI). Non è un caso, quindi, che il titolo della raccolta italiana riporti che le favole sono «imitate in versi».
Sono qui riproposte fedelmente – compresi gli errori tipografici – le 85 favole (88 poesie) pubblicate nel 1827, le ultime rivedute dagli stessi poeti che vi si dedicarono la prima volta. Nell’elenco sembra mancare la favola n. XXXVI, ma è un errore di numerazione presente nell’originale.

I. L’Aquila e il Ragno (Angelo Maria Ricci)
II. L’Elefante e il Cagnolino (Francesco Saverio Salfi)
III. Lo Scrignetto (Domenico Valeriani)
IV. Il Luccio e il Gatto (Urbano Lampredi)
V. Il Fanciullo, ed il Verme (Antonio Mezzanotte)
VI. La Volpe Architetto (Francesco Saverio Salfi)
VII. La Sonata a Quattro ossia Il Quartetto (Giordano Bianchi Dottula, marchese di Montrone)
VIII. Il Villano e l’Asino (Vincenzo Monti)
IX. Il Contadino e il Garzone (Urbano Lampredi)
X. La Rondine e il Prodigo (Antonio Mezzanotte)
XI. Il Calunniatore ed il Serpente (Luigi Biondi)
XII. L’Arboscello (Urbano Lampredi)
XIII. Il Contadino caduto in miseria (Giovan Battista Niccolini)
XIV. Il Marito di trè Mogli (Angelo Maria Ricci)
XV. La Volpe compassionante (Luigi Angeloni)
XVI. Lo Scricciolo (Antonio Cesari)
XVII. Le Carrette (Urbano Lampredi)
XVIII. La Scimia e gli Occhiali (Giordano Bianchi Dottula, marchese di Montrone)
XIX. Il Nugolo (Francesco Saverio Salfi)
XX. Il Cavaliere errante (E. Petroni)
XXI. Il Lupo e il Lupicino (Urbano Lampredi)
XXII. I due Sorci (Urbano Lampredi)
XXIII. I Musici (E. Petroni)
XXIV. L’Aquila e la Talpa (Pietro Giannone)
XXV. Lo Stornello (Il Duca di Canzano)
XXVI. La Zuppa di Menghino (Cavaliere Francesco Brancia)
XXVII. Il Giardiniere ed il Filosofo (Antonio Mezzanotte)
XXVIII. Il Villanello e il Serpe (Luigi Angeloni)
XXIX. La Pietra, e il Vermicciuolo (Urbano Lampredi)
XXX. L’Aquila e le Galline (Urbano Lampredi)
XXXI. La Fortuna in visita (Urbano Lampredi)
XXXII. La Spica (Michele Leoni)
XXXIII. L’Edera (Luigi Angeloni)
XXXIV. Le due Botti (Ippolito Pindemonte)
XXXV. Il Gatto e il Cuoco (Angelo Maria Ricci)
XXXVI mancante nell’originale per erronea numerazione delle favole
XXXVII. Il Porco (Salvatore Betti)
XXXVIII. Il Naufrago e il Mare (Urbano Lampredi)
XXXIX. Il Sacco (Vincenzo Monti)
XL. La Calunnia (Francesco Saverio Salfi)
XLI. Il Cacciatore (Giulio Genoino)
XLII. Il Villano e la Volpe (Pistrucci)
XLIII. Le Scimie (Francesco Saverio Salfi)
XLIV. Il Cane l’Uomo, il Gatto ed il Falcone (Domenico Valeriani)
XLV. Il Serpente ed il Villano (Angelo Maria Ricci)
XLVI. L’Aquila e l’Ape (E. Petroni)
XLVII. Le Oche (Urbano Lampredi)
XLVIII. L’Abito di Giocrisso (Gioacchino Ponta)
XLIX. Lo Stagno e il Fiume (Giuseppe Antinori)
L. La Botte (Pietro Giannone)
LI. Il Lepre alla Caccia (Giuseppe Tambroni)
LII. La Divisione (Angelo Maria Ricci)
LIII. L’Uomo e la sua Ombra (Giuseppe Antinori)
LIV. Il Lione ed il Lupo (Luigi Borrini)
LV. Il Cavallo ed il Cavaliere (Antonio Cesari)
LVI. La Formica (Urbano Lampredi)
LVII. La Cascata e la Sorgente (Urbano Lampredi)
LVIII. Il Curioso (Antonio Cesari)
LIX. Il Lupo e il Cuculo (Vincenzo Monti)
LX. Il Pettine (Antonio Cesari)
LXI. L’Assemblea, o il Consiglio di Stato (Urbano Lampredi)
LXII. Gli Atei (Cesare Della Valle, duca di Ventignano)
LXIII. Lo Scimiotto (Pietro Giannone)
LXIV. Il Villano e l’Asce (Ippolito Pindemonte)
LXV. Il Villano e l’Asce (Urbano Lampredi)
LXVI. Il Lupo nella Casa de’ Cacciatori (Antonio Cesari)
LXVII. Il Parnasso (G. Giovanetti)
LXVIII. Il Canario e il Piccione (Urbano Lampredi)
LXIX. Il Bugiardo (Il Duca di Canzano)
LXX. I Due Passaggieri (Angelo Maria Ricci)
LXXI. Lo Zecchino (Il Cav. Brancia)
LXXII. L’Asino (Francesco Saverio Salfi)
LXXIII. L’Asino (Angelo Maria Ricci)
LXXIV. Il Pastore e la Zanzara (Luigi Borrini)
LXXV. L’Agnello (Michele Leoni)
LXXVI. L’Elefante Re (Giuseppe Antinori)
LXXVII. L’Asino e l’Usignuolo (G. Vanoni)
LXXVIII. Il Cigno, il Luccio e il Gambero (Urbano Lampredi)
LXXIX. L’Amicizia de’ Cani (Antonio Cesari)
LXXX. Il Gran Signore e il Filosofo (A.C.)
LXXXI. La Fortuna e il Mendicante (Urbano Lampredi)
LXXXII. La Scimia e lo Specchio (Il Duca di Canzano)
LXXXIII. Il Fioraliso (Pietro Giannone)
LXXXIV. Le Mosche e l’Ape (Francesco Saverio Salfi)
LXXXV. Il Ruscello (Figliola)
LXXXVI. Il Ruscello (Luigi Angeloni)
LXXXVII. L’Oracolo (Il Duca di Canzano)
LXXXVIII. Le Foglie e le Radici (Antonio Buttura)
LXXXIX. La Marmotta e la Volpe (Urbano Lampredi)

 

 

Nota:
*. In Favole russe del Kriloff, imitate in versi italiani da vari chiarissimi autori, alcune delle quali rivedute e corrette dagli autori medesimi e precedute da una prefazione italiana di F. Salfi, Tipografia Baduel presso Bartelli e Costantini, Perugia 1827 (parte italiana di I. Krylov, Fables russes de M.Kriloff imitées en vers français et italiens par divers auteurs, Paris, 1825).

 

 

 

 

webmasterwww.larici.it - info@larici.it